Info corso

crediti ECM
3,6
Periodo
on-line fino al 13/12/2020
Codice ECM
38-310311
Destinatari

Medico Chirurgo; Psicologo; Veterinario; Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico; Tecnico della Prevenzione nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro; Odontoiatra; Infermiere Pediatrico; Infermiere; Igienista Dentale; Fisioterapista; Fisico; Farmacista; Educatore Professionale; Dietista; Chimico; Biologo; Assistente Sanitario

Help desk
Per informazioni contattare l'indirizzo email: c.magri@planning.it
Tel: --

Non sono possibili nuove registrazioni, mentre i corsisti già registrati possono ancora accedere ai contenuti didattici.

Programma del corso

12:30-12:35Introduzione e Moderazione
Italo F. Angelillo, Professore Ordinario Igiene generale e applicata Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, Presidente Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI)

12:35-12:50Assistenza primaria e sanità pubblica: le ragioni dell’integrazione
Gianfranco Damiani, Professore Associato Igiene generale e applicata, Università Cattolica Roma

12:50-13:05Riflessioni a partire dai dati epidemiologici
Maria Pia Fantini, Professore Ordinario Igiene generale e applicata, Università degli studi di Bologna

13:05-13:20Integrazione attraverso lo strumento organizzativo della Centrale Operativa Territoriale (COT) e ruolo di MMG e USCA
Maria Cristina Ghiotto, Direttore cure primarie e strutture socio sanitarie territoriali, Direzione programmazione sanitaria LEA Regione Veneto

13:20-13:35L’importanza della informatizzazione
Simona Dei, Direttore Sanitario, USL Toscana Sud Est

13:35-13:50L'importanza teorico-pratica del Laboratorio di Biologia Molecolare applicato al contesto epidemico COVID-19
Giancarlo Icardi, Professore Ordinario Igiene generale ed applicata, Università degli Studi di Genova

13:50-14:05Il ruolo del Dipartimento di Prevenzione
Luca Gino Sbrogiò, Direttore dipartimento di prevenzione, ULSS3 Regione Veneto

14:05-14:20Il ruolo e gli interventi degli operatori delle professioni sanitarie nella prevenzione della COVID-19
Flavio Del Bianco, Tecnico della Prevenzione e lavoro al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Friuli Occidentale di Pordenone

14:20-14:35Un programma di prevenzione integrato con le cure primarie
Alessandra Buja, Professore Associato Igiene generale e applicata, Università di Padova

14:35-14:50Proposte organizzative di integrazione funzionale
Mara Morini, Coordinatore Gruppo di Lavoro PHC SItI; Past Direttore Sanitario ISS di S. Marino e Direttore Dipartimento Cure primarie AUSL di Bologna

14:50-15:00Discussione

Presentazione del corso

L’attuale emergenza induce riflessioni su scenari discordanti relativamente al futuro: dall’immaginare un mondo con grandi cambiamenti, al pensare che dopo questa parentesi tutto riprenderà come prima, al considerare che dall’analisi delle esperienze maturate durante la pandemia si possano cogliere elementi di riflessione importante per produrre cambiamenti. L’esperienza della gestione COVID-19, ha evidenziato debolezze e ricchezze del SSN e difformità regionali che ne hanno caratterizzato, i diversi risultati. E’ emersa l’importanza della sanità del territorio: insieme di servizi e professionisti dedicati alla prevenzione delle malattie, alla promozione della salute e alla assistenza primaria. E’ importante, quindi, rappresentare le esperienze di regioni, ASL e dipartimenti, raccogliere le best practices e definire direttrici per i rapporti tra Public Health e Primary Health Care, ruoli e responsabilità al fine di migliorare le risposte del nostro SSN nell’affrontare cronicità ed emergenze.